“Lady Diana. Uno spirito libero” a La reggia di Venaria

lady_d

Dall’8 luglio 2017 al 28 gennaio 2018 – Reggia di Venaria, Sale dei Paggi

La bellezza dell’avere l’abbonamento musei è la possibilità di trovarsi in prossimità di un museo in abbonamento e decidere, pur non avendolo programmato, di entrarvi senza avere un soldo in tasca.
Così è successo per la mostra dedicata a Lady Diana a La Reggia di Venaria. Lo ammetto, non credo ci sarei andata apposta ma, come per ogni allestimento che ho visitato, sono uscita dalla mostra più ricca di quanto sono entrata: aneddoti che non ricordavo, informazioni che ignoravo.
Questa è la vita, imparare qualcosa di nuovo ogni giorno.

Annunci

“Paesaggi” Franco Fontana – Mostra fotografica

Franco Fontana

Palazzo Madama – Torino
Dal 13 Luglio al 23 Ottobre 2017
Intero 8 € – Ridotto 5€ – Gratuito minori di 6 anni, Abb. Musei Torino e Piemonte card

Una nuova mostra fotografica, un nuovo artista scoperto per caso, grazie alla mia curiosità verso ciò che non conosco, anche nell’offerta museale.
Foto di paesaggi, in cui l’ambientazione è secondaria rispetto ai colori ed a ciò che essi evocano.
La vita a colori, i colori della vita.
Dobbiamo ricordare di continuare ad osservare ciò che ci circonda, riuscendo ancora ad affascinarci per ciò che osserviamo.
Sempre a cuore aperto.

Mu.fant: anche i nerd sbagliano

Mu.fant è il primo museo in Italia del fantastico e della fantascienza ed è a Torino.
Fantastico, a tutti gli effetti.
Non avendo ancora avuto modo di andarci, nonostante sia un’abbonata musei con “esperienza” pluriennale”, ieri mi sono decisa a visitarlo. Controllo gli orari di apertura, dalle 15,30 alle 19,00 (dal giovedì alla domenica); meno male che ho guardato! Stavo giust’appunto pensando di andarci in mattinata. Si trova in Via Reiss Romoli 49 bis e, nonostante affacci su una piccola piazzetta atta a parcheggio e quindi non sia visibile dalla strada, ci arrivo con discreta facilità. Sono un po’ perplessa, è ubicato al primo piano di un istituto scolastico (ex istituto o solo parzialmente in disuso? Apprezzo il non lasciare completamente dismessi gli edifici non più utilizzati per lo scopo originale, ma andrebbe un minimo riattato, altrimenti la prima impressione che si ha è quella di una mostra temporanea di e per studenti , non di un museo e, soprattutto, non del primo museo in Italia di un preciso argomento).
Arrivata a quella che dovrebbe essere la cassa, metto una mano nella mia mega borsetta per fare la solita sceneggiata, non voluta, di miscuglio “similar estrazioni del lotto” alla ricerca del portafoglio, che contiene l’abbonamento musei.
Il nerd cassiere mi guarda un po’ imbarazzato e, sempre guardandolo, continuo a vorticare la mano,con insuccesso.
“Sto cercando l’abbonamento musei”, gli dico.
Trovo il portafoglio.
“Oggi pagano tutti”
Intanto io tiro fuori l’abbonamento, lanciando contemporaneamente ed involontariamente, un pacchetto di fazzoletti ed i guanti di lana (che rimarranno in borsetta fino ad estate inoltrata, quando, finalmente, mi ricorderò di toglierli, lavarli e metterli insieme al resto degli indumenti invernali).
“Cosa?!?!” rispondo.
Sparisco dalla sua visuale per raccogliere i fazzoletti ed i guanti planati per terra. Ricompaio.
“Non ho capito”, aggiungo.
Lui mi spiega che oggi tutti pagano 6 euro per entrare perché, nel museo, si terranno una serie di incontri e workshop per la presentazione di un nuovo personaggio.
“Sono lieta che facciate queste attività” rispondo “ma io voglio solo visitare il museo, non voglio partecipare agli incontri ed ai workshop”.
“Non importa, oggi tutti a 6 euro” controbatte.
“Allora tornerò un’altra volta, grazie”, alzo i tacchi e faccio la mia uscita plateale.
Lui, probabilmente, è ancora più basito di quando stavo cercando il portafoglio.
Sarà, ma io ho sono stizzita. Com’è possibile che gli abbonati vengano trattati alle stesse condizioni economiche dei non abbonati? Anche in altri musei organizzano attività particolari, ma una distinzione economica, seppur minima, c’è. Facendo come al Mu.fant, decade il senso dell’abbonamento e quindi che esca dal circuito dei musei convenzionati. Sarò drastica, ma mi piace la chiarezza.
Dal momento che non mi piace avere dubbi, stamane sono tornata sul sito del museo per capire se c’è scritto qualcosa sulla particolarità della giornata di ieri.
C’è ma … toh … guarda qua…

Abbonamento Musei Torino Piemonte: entrata gratuita eccetto le giornate con eventi in programma per le quali è previsto il biglietto ridotto di € 4,5

Ma allora la distinzione c’è anche nelle giornate degli eventi … appunto , mi faceva strano …
Ad ognuno le proprie considerazioni …